Ultimi paradisi: Maranhao

Il Maranhao è uno stato del Brasile facente parte della zona conosciuta come Nordeste. Si tratta però dello stato più occidentale di essa e confina a ovest con il Parà il quale a sua volta confina a ovest con Amazonas. Il Maranhao, pur essendo piuttosto lontano quindi dall’Amazzonia è anche conosciuto come Porta dell’Amazzonia poiché la sua capitale São Luiz era il porto più importante dal quale partivano le merci che venivano inviate in Europa dalle ricche foreste dell’interno e dove giungevano gli schiavi dall’Africa.

São Luiz è una città enormemente sviluppata, ma il cui centro storico coloniale ha mantenuto le sue caratteristiche culturali e architettoniche. Sia São Luiz che tutto il Maranhao sono relativamente sconosciuti, per fortuna, dal turismo di massa. L’unica zona che purtroppo comincia ad essere presa d’assalto da camion e jeep di turisti-napalm è quella del Lençois maranhense. Un area desertica meravigliosa caratterizzata da dune di sabbia, lagune, laghi colorati di acqua dolce. È un paradiso straordinario, in parte preda di turisti ad alta velocità con Toyota a terra e motoscafi nelle lagune, ma che avendo ancora aree difficilmente accessibili è salvaguardato dalle aggressioni di massa. È ancora molto possibile vivere a bassa velocità su carretti trainati dai buoi e con barchette a remi. Quello che rende il posto straordinario sono i paesaggi e la fauna selvaggi. Ma anche e soprattutto il suo popolo, fatto in gran parte di persone consapevoli del paradiso in cui vivono e che non hanno nessuna intenzione di emigrare. Nel Maranhao si può ancora respirare, per fortuna, un’atmosfera arcaica e autentica. La zona che abbiamo conosciuto noi finora, e nella quale torniamo spesso e volentieri, è quella della costa, sia a ovest che a est di São Luiz, oltre naturalmente la città stessa. I piccoli paesi costieri o nell’interno sono caratterizzati da una vita rurale e tranquilla. Purtroppo, ma questo è un argomento che affronteremo in altre occasioni e in altro modo, anche in questi piccoli centri si stanno diffondendo droghe devastanti e a prezzi stracciati. Persino gli indios stanno iniziando a fare uso di crack, che è un intruglio chimico devastante che ovviamente non ha niente a che vedere con le droghe sacre e naturali utilizzate da loro in passato.

Cominciamo un primo viaggio visuale da Sao Luiz per passare poi dall’area desertica del Lençois Maranhensis a est e successivamente alla costa a ovest della capitale, passando prima per la mitica città di Alcantara. Architetture, volti, paesaggi e animali, persone e personaggi, ma soprattutto una profondità da salvaguardare e proteggere. Cosa tutt’altro che facile e scontata visto che i destini dei Paradisi in terra sono spesso nelle mani di capitalisti interessati solo a fare altri soldi, corrotti e senza scrupoli, qui come in Italia, come ovunque.

Il Maranhao è un luogo ancora molto autentico. Noi organizziamo viaggi in Brasile, incluso il Maranhao. Per il tour “on the road” descritto in questo pezzo consigliamo almeno 15 gg. Per preventivi scrivermi a mauro.villone@libero.it. Indicativamente, escluso il volo dall’Europa, calcolare 150/200 € a persona al giorno.

Annunci

One thought on “Ultimi paradisi: Maranhao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...